Il covid cambia le abitudini quotidiane, in calo il consumo di rossetti e cosmetici.

Il covid ha cambiato le nostre vite, negandoci il piacere degli incontri con gli amici, gli abbracci con i nostri cari, ma ha condizionato anche alcune abitudini quotidiane, come per esempio quello del trucco per le donne.

L’obbligo di indossare la mascherine influisce in maniera decisa sul make-up, giacchè buona parte del viso è coperta, non servono fondotinta e rossetti per esempio e gli effetti economici lo confermano, con il netto calo di vendite di questi prodotti.

Gli unici prodotti che “reggono”, sono quelli del trucco occhi che rimangono l’unico tratto più visibile del volto e forse per questo le donne vi si dedicano con maggiore cura, ma ciò nonostante, anche le vendite di mascara, matite occhi e ombretti sono calate del 10% tra gennaio e giugno, rispetto al 2019.

L’effetto covid-19 si riflette anche sui rossetti con le vendite calate del 24% ed ha annullato anche l’indice cosiddetto ” dei rossetti rossi” , su cui si basa dagli anni 2000 la valutazione dei danni economici del settore cosmesi nei periodi di crisi.

Secondo questo singolare strumento di valutazione, la vendita dei rossetti specialmente quelli rossi, aumenta nei periodi di crisi: era successo nei mesi successivi alla tragedia delle Twin Towers con il
Lipstick Index del Brand Estée Lauder che ebbe un incremento di oltre il 11%.

Questo aumento delle vendite era già successo durante la depressione degli anni Venti, quando la vendita dei rossetti e in generale dei prodotti cosmetici aumentò del 25%, ed in tempi più recenti , nel 2008 quando fallì la Lehman Brothers, evento che viene ricordato come la più grande bancarotta della storia, cui è seguita la più grave crisi finanziaria mondiale .

In questo momento storico, invece, il Lipstick Index pare non funzionare. Tutto questo a causa dell’utilizzo delle mascherine che infatti, hanno fatto crollare le vendite soprattutto dei rossetti, ma in generale dei prodotti di make-up.

Si esce di meno di casa per il lavoro, grazie anche allo Smart Working, e nelle rare uscite “necessarie” consentite, occorre indossare le mascherine e quindi fondotinta, correttori e rossetti appunto, non servono più.

Insomma anche per il settore legato alla bellezza, il Covid ha cambiato le abitudini delle donne ed in generale i comportamenti dei consumatori , fino a far modificarne lo stile di vita.

Si riducono i consumi di alcuni cosmetici, ma forse si presta maggiore attenzione ad altre cose che prima sembravano scontate o fatte per abitudine: per esempio l’utilizzo di una crema per il viso si può considerare come una carezza, una coccola a cui le donne, soprattutto, non intendono proprio rinunciare, insieme a tutti quei gesti ed a quelle abitudini quotidiane che ci fanno stare bene e ci aiutano ad affrontare anche la vita in tempo di pandemia con il giusto approccio .

L’importante, insomma, è volersi bene e pensare che la pandemia covid passerà e presto torneremo alla nostra normalità.