Distretto Sanitario di Battipaglia, chiusa la riabilitazione: la CISL FP chiede intervento del nuovo manager dell’ASL Salerno

“Il Distretto Sanitario di Battipaglia è chiuso per ferie coatte.

La medicina territoriale ha grosse difficoltà, ma le difficoltà maggiori derivano dalla forte mancanza di attenzione e di programmazione da parte dei dirigenti scelti dalla direzione strategica precedente.” è la denuncia della CISL FP Salerno che con il segretario provinciale Alfonso Della Porta, richiama l’attenzione sulla struttura battipagliese che è il riferimento per gli utenti di una vasta area.

Al Distretto di Battipaglia, il n°65, infatti, afferiscono anche i Comuni di Bellizzi, Olevano sul Tusciano.

” Al Distretto di Battipaglia è da circa una settimana che non si adeguano i piani di trattamento riabilitativi e non si autorizzano i presidi perché il personale è stato mandato in ferie d’ufficio. E’ una situazione che se non fosse vera sarebbe paradossale e comica – dichiara Alfonso Della Porta – ma purtroppo oramai la gestione della precedente direzione strategica ci ha abituato a ipotizzare programmazione e riorganizzazioni basate su chiusura di reparti e ora anche di servizi territoriali. E’ inutile dire che gli utenti che si recano al Distretto Sanitario non trovano risposte e spesso se la prendono con l’operatore finale che è costretto a tentare di dare inutili spiegazioni poiché quella vera li metterebbe a grave rischio per la loro tutela e sicurezza. Ma cosa ci si può ancora aspettare da una direzione che per tutto il periodo Covid se ne è fregata di costruire una pensilina all’entrata e nonostante l’autorizzazione del Comune, per cui gli utenti sono stati per due anni all’addiaccio al freddo e alla calura estiva, la maggior parte anziani e fragili. Sarebbe opportuno che la Sindaca intervenisse immediatamente nei confronti dell’attuale management aziendale per ripristinare senso di servizio da parte dei dirigenti della struttura, ritenendoli poco attenti alle esigenze dell’utenza e di tutta la comunità di riferimento. “- conclude il segretario provinciale della CISL FP

Conte e Della Porta

“Il nuovo direttore sanitario dell’ASL Salerno, che proviene dal territorio, ha l’onere di intervenire immediatamente in quanto, purtroppo, la direzione del Distretto Sanitario di Battipaglia non sa che per quanto attiene i piani di trattamento riabilitativi, le commissioni che devono vagliare i progetti devono essere composte al minimo di 5 figure il fisiatra, il fisioterapista, l’infermiere, l’assistente sociale e personale abilitato ad inserire i piani al computer che devono essere inserite obbligatoriamente presenti in piattaforma. Delle due l’una anzi tre: o si dichiara il falso, o si chiude il servizio ovvero si programma per evitare tale scelleratezza. Di fatto la Riabilitazione è chiusa fino al 30 agosto per ferie forzate e coatte imposte ai lavoratori – aggiunge con rammarico Lorenzo Conte Coordinatore Area Centro Sud per la CISL FP di Salerno Intervenga la nuova direzione strategica prima che sia troppo tardi e prima che intervengano i carabinieri per sedare risse e aggressioni agli operatori.”