CISL FP SALERNO

CISL FP Salerno: “Le proroghe ai precari salvano i LEA, ma serve programmazione”

La Cisl FP Salerno soddisfatta per la proroga dei precari, chiede programmazione all’AOU ed all’ASL

“Le proroghe ai precari salvano i LEA, ma serve più programmazione”: questo il titolo del comunicato stampa con il quale il Segretario Provinciale della CISL FP Salerno Alfonso Della Porta, commenta positivamente la delibera di prolungamento dei contratti dei lavoratori precari, chiedendo ai vertici dell’AOU e dell’ASL Salerno interventi per colmare le carenze degli organici.

“All’indomani della proroga dei contratti a termine degli operatori dell’ Ospedaliera Ospedaliera Universitaria di Salerno prendo atto con soddisfazione del prolungamento del rapporto di lavoro per tutti i professionisti sanitari – scrive Della Porta- ma ritengo il prolungamento dei rapporti di lavoro per oltre 700 lavoratori, quale punto di partenza per continuare a mantenere e garantire i Livelli Essenziali Assistenziali. Da subito però bisogna programmare per il futuro dell’ente ribadendo che le stabilizzazioni, secondo normativa vigente, sarebbero un atto fondamentale ma bisogna constatare che il fabbisogno d’organico non sarebbe colmato con la trasformazione dei contratti a tempo indeterminato.  A più riprese la CISL FP aziendale e i delegati della RSU hanno invitato la Direzione Strategica dell’azienda a prendere sul serio l’integrazione della dotazione organica con tutti gli altri profili professionali carenti in assenza dei quali è a rischio la programmazione delle attività e l’efficienza dei servizi, situazione che si aggraverà con l’approssimarsi del periodo estivo, se pensiamo alle ferie estive e alle tutele da garantire quotidianamente seguito di infortuni e malattie.”

Antonacchio e Della Porta

Il Capodipartimento Sanità Pubblica-Privata CISL FP Salerno, Pietro Antonacchio, aggiunge: “Diversi sarebbero i profili carenti come: 15 infermieri pediatrici, che garantirebbero l’attivazione del percorso del servizio di Trasporto in Emergenza Neonatale (STEN) Regionale; mancano  30 tecnici sanitari di laboratorio biomedico, operatori ridotti all’osso ma che per per garantire i servizi sia ospedalieri che per gli utenti esterni sono costretti a sobbarcarsi quotidianamente turni di  lavoro straordinario; occorrono oltre 20 tecnici sanitari di radiologia, carenti in tutti i servizi e in tutti gli stabilimenti e soprattutto nel presidio Ruggi d’Aragona dove tante sono le attività di importanza strategica; servirebbero almeno altri 50 Operatori Socio Sanitari, poiché diverse sono state le uscite ma mai rimpiazzate costringendo a turni massacranti per evitare un involuzione della gestione dei processi assistenziali oltre ad una efficiente erogazione del servizio sulle 24 ore”

“Inoltre – conclude Della Porta – con l’avvento della odontostomatologia nell’Azienda Universitaria, sarebbe opportuno integrare tale servizio con figure professionalizzate del settore con competenze tecnico-cliniche, ambientali, strumentali e relazionali, come l’assistente alla poltrona odontoiatrica, a completamento dell’equipe sanitaria presente, operatori che qualificherebbero l’assistenza e la qualità delle prestazioni. Appare evidente che purtroppo spesso le azioni messe in campo trovano gravi ostacoli anche per la mancata sensibilità di altre Aziende Sanitarie regionali che non cedono le graduatorie vigenti nonostante le richieste avanzate. L’ultimo paradosso è quello dell’ASL Salerno a cui l’Azienda ha richiesto di utilizzare la graduatoria per diversi tecnici di radiologia da circa due mesi senza avere alcuna risposta, a testimonianza che purtroppo la direzione strategica di Via Nizza non perde occasione per testimoniare la sua totale assenza e mancanza di attenzione al potenziamento della filiera sanitaria territoriale nonostante trattasi di percorsi di reclutamento seppur a tempo determinato.”