ordine psicologi

L’Ordine degli Psicologi della Campania illustra le normative emanate dalla Regione

Organizzato dall’Ordine degli Psicologi della Campania, si è svolto a Salerno l’ incontro ” Dall’emergenza sanitaria a quella psicologica: evoluzioni e nuove prospettive per la professione di psicologo in Campania.”

I lavori sono stati introdotti da Antonietta Grandinetti, consigliera e coordinatrice della commissione Sanità dell’Ordine campano che ha sottolineato l’importanza dell’azione dello psicologo durante la pandemia e per la campagna vaccinale in corso.

Il lavoro svolto in prima linea durante l’emergenza Covid e l’impegno necessario nella fase post-pandemia, ma anche lo stato dell’arte degli interventi normativi messi in campo grazie alla stretta collaborazione con la Regione, sono i temi trattati dal presidente dell’Ordine degli Psicologi della Campania Armando Cozzuto:

” La Campania è l’unica regione ad avere due leggi in materia: l’istituzione dello psicologo di base e del servizio di psicologia scolastica. Sono strumenti che danno valore all’assistenza psicologica che è stata sempre considerata come la “Cenerentola” in materia di salute, ed al riconoscimento della nostra categoria come professione sanitaria. Grazie a questa legge, vogliamo contribuire al miglioramento della qualità dell’assistenza delle persone valorizzando il lavoro di tanti professionisti, in primo luogo giovani.”- ha detto Cozzuto.

Il consigliere Angelo Rega, coordinatore del gruppo di lavoro ‘per la ricerca e l’intervento in materia di psicologia scolastica’, dell’Ordine degli psicologi ha illustrato l’iter ed i principali contenuti della proposta di legge per l’istituzione del servizio di Psicologia scolastica, attualmente allo studio delle commissioni consiliari competenti in materia.

Al Mediterranea Hotel, l’Ordine degli Psicologi ha fatto il punto a poco più di un anno dalla sua approvazione, sulla legge regionale che ha istituito il servizio di Psicologia di Base sottolineando che il disagio psichico molto spesso non fa notizia, si fa fatica a riconoscerlo, ma porta tanta sofferenza alle persone e alle famiglie. – ha detto

A concludere i lavori, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca che ha ribadito il valore della legge approvata all’unanimità il 3 agosto 2020 ed annunciato che sono stati finanziati 100 milioni per i primi 2/3 anni.

” Andremo avanti, attendendo la pronuncia, il prossimo19 ottobre, della Corte Costituzionale sull’eccezione presentata dal governo in merito proprio alla legge per l’istituzione dello psicologo di base – ha detto De Luca- Abbiamo legato a questa legge, la questione occupazionale, prevedendo lavoro per centinaia di giovani psicologi, il che in una regione come la nostra non è poco. C’è opportunità di dare sbocchi occupazionali a figure professionali elevate ed anche per lo sviluppo di un sistema socio sanitario di livello superiore… L’attività degli psicologi di base è parte di una idea di nuova sanità che dobbiamo realizzare in Regione Campania… Dobbiamo essere preparati ad implementare il secondo capitolo che misurerà la griglia LEA, relativo alla medicina territoriale, con l’istituzione delle case di cura, di accoglienza, “le case di comunità,” avendo prestazioni sanitarie a 360 gradi che possano contare sui medici di famiglia, pediatri di libera scelta, ma anche sugli psicologi di base.

La nostra scelta rientra in una idea di potenziamento della medicina territoriale e dei servizi socio sanitari; dobbiamo rafforzare anche un comparto tradizionalmente più debole: quello della sofferenza e del disagio psichico… Parliamo di un’area socio sanitaria che richiede un lavoro coordinato, tra parte sanitaria, sociale, medica, psicologica e psichiatrica se vogliamo fare un salto di qualità …Vogliamo valorizzare il vostro ruolo, le vostre professionalità, con i concorsi in fase di svolgimento per assunzioni nelle strutture pubbliche, ma anche con la possibilità di convenzionamento previste dalla legge anche per la vostra professione,… La pandemia ha letteralmente sconvolto il mondo, le famiglie, gli individui, ed ha stressato il mondo della scuola e per come siamo ridotti, una delle attività prioritarie è proprio quella della figura dello psicologo nelle scuole”- ha concluso il governatore De Luca