tablet

Tablet in dono ai pazienti del Ruggi di Salerno

Aiuteranno a superare l’isolamento, il distacco dai familiari durante la degenza ospedaliera ,i dieci tablet donati ai pazienti del Ruggi di Salerno.

Si è così concretizzata l’iniziativa promossa dalla Fondazione della Comunità Salernitana ed il Comitato di Quartiere San Francesco a sostegno del progetto Spikes .

I dieci tablet rappresenteranno un vero supporto morale per i pazienti dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno, favorendo la comunicazione con i familiari da cui sono separati durante la degenza a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia.

Nello stesso tempo aggiungeranno un ulteriore tassello all’ AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, sempre più proiettata all’assistenzialismo e al supporto morale dei propri pazienti ricoverati.

Proprio per proseguire su questa linea di sostegno e collaborazione, nell’ambito del Progetto Spikes, volto a garantire la facilitazione della comunicazione tra i pazienti e i propri familiari, sono stati donati alla struttura ospedaliera, dieci tablet, dedicati alle videochiamate fruibili dagli ammalati, con particolare attenzione all’area covid.

La raccolta fondi, del progetto in questione, è stata lanciata e organizzata dalla Presidente della ‘Fondazione della Comunità Salernitana, dott.ssa Antonia Autuori, insieme alla prof.ssa Laura Vitale, Presidente del Comitato di Quartiere San Francesco, a sostegno del Progetto Spikes, strutturato dal Ruggi, sotto la guida della Direttrice Sanitaria, dott. ssa Anna Borrelli.

I dieci dispositivi donati, faranno da apripista per una nuova crowdfunding, incentrata sull’ acquisto di ulteriori tablet che soddisferanno le esigenze e l’applicazione del Protocollo di facilitazione della comunicazione Spikes, in tutti i reparti dell’azienda Ospedaliera Universitaria.

Particolarmente grato a questo progetto il Direttore Generale del Ruggi, dott. Vincenzo D’Amato, che considera l’iniziativa perfettamente in asse con i criteri di assistenza dell’Azienda che dirige, incardinati alla tutela di valide cure e impostati affinché venga garantito benessere e confort a tutti i pazienti ricoverati.