Gaslini di Genova, doppio intervento salva la vita di un neonato

Al Gaslini di Genova un neonato è stato salvato grazie ad un doppio intervento eseguito dall’ equipe multidisciplinare.

Il piccolo affetto da una gravissima malformazione di trachea e laringe rischiava di morire.

Il primo intervento di chirurgia fetale e Il secondo al momento del parto.

Durante la gravidanza alla madre era stata diagnosticata la malformazione alla 22 esima settimana.

Al Gaslini hanno lavorato in squadra ben cinque unità operative.

Solo una decina di piccoli, nel mondo sono sopravvissuti a questa patologia, hanno spiegato al Gaslini. Il primo intervento ha permesso la crescita del feto portandolo il più vicino possibile al termine della gravidanza.

“Questo intervento di chirurgia fetale è stato eseguito solo una volta al mondo prima di quello eseguito al Gaslini,-ha spiegato il professore Dario Paladini direttore di Medicina Fetale e Perinatale dell’ospedale pediatrico ligure.– L’intervento di chirurgia fetale consiste in un accesso fetoscopico alla via aerea e nella perforazione con laser della laringe ostruita, il che permette di ridurre la pressione nei polmoni e il rischio di mortalità in utero per scompenso cardiaco” .

“L’intervento di chirurgia fetale è stato eseguito a 29 settimane di gestazione. La minima apertura delle vie aeree che si ottiene con l’intervento fetale non è tuttavia sufficiente a consentire la respirazione autonoma del neonato al momento della nascita. Dopo 10 giorni è avvenuto il parto attraverso una tecnica molto sofisticata di taglio cesareo chiamata Exit (Ex-Utero Intrapartum Treatment): il feto viene estratto parzialmente dall’utero materno e mantenuto collegato alla placenta. Una volta intubato o, come in questo caso, dopo una tracheotomia, il bimbo viene estratto completamente” -ha spiegato il dottor Andrea Moscatelli direttore della Terapia Intensiva Neonatale e Pediatrica. Il piccola alla nascita pesava 1,7 kg e oggi ha 40 settimane di età corretta, pesa 3 kg, è molto reattivo e vivace. È ancora collegato al ventilatore attraverso la tracheostomia ed è dipendente dalla nutrizione parenterale. “

Il bambino sta bene e cresce ma dovrà affrontare quando sarà più grande un difficile intervento per poter respirare da solo senza la tracheotomia” – conclude il dottor Michele Torre del Centro di Chirurgia Pediatrica Toracica e delle Vie Aeree dell’ospedale pediatrico genovese

WP RSS Plugin on WordPress