protesi d'anca Policlinico di Bari

Un raro intervento di protesi d’anca presso la clinica Ortopedica del Policlinico di Bari è stato eseguito su una giovane paziente, assistita per una caduta nel corso di una crociera, che aveva scoperto di avere la leucemia ed era rimasta a Bari per curarsi.

L’intervento di artroprotesi totale d’anca bilaterale presso la Clinica Ortopedica del Policlinico di Bari, diretta dal Professor Biagio Moretti, su una giovane paziente di 14 anni affetta da necrosi di entrambe le teste femorali provocata da una lunga chemioterapia.

“L’intervento di protesi d’ anca – spiega il professor Biagio Moretti – è solitamente realizzato in età adulta per patologie degenerative o post-traumatiche dell’articolazione. In questo caso, abbiamo dovuto eseguire la sostituzione dell’anca in età adolescenziale a causa di una assoluta ed irreversibile compromissione delle teste femorali che costringeva la giovane paziente su sedia a rotelle, conseguente agli esiti di una chemioterapia salva-vita effettuata per una grave malattia neoplastica del sangue. Abbiamo programmato l’intervento, in stretto accordo con i colleghi della Oncoematologia Pediatrica diretta dal dottor Nicola Santoro, che personalmente ringrazio, e ciò dimostra l’importanza della multidisciplinarietà nel trattamento di queste patologie complesse. La paziente, a pochi giorni dall’intervento, cammina autonomamente e presto potrà tornare a casa dopo un periodo di riabilitazione”.

La ragazza, di origine marocchine, era arrivata al Policlinico di Bari un anno e mezzo fa ed era stata assistita per una caduta mentre si trovava in vacanza in Italia a bordo di una crociera e la nave aveva attraccato nel porto del capoluogo pugliese. In ospedale la diagnosi di leucemia seguita da una terapia durata circa 18 mesi, nell’unità operativa di Oncoematologia pediatrica, che l’aveva costretta sulla sedia a rotelle. Durante la degenza al Policlinico la giovanissima paziente, che da grande sogna di fare il medico, è stata seguita anche nel suo percorso scolastico: ha potuto seguire lezioni di lingua e ha imparato a parlare l’italiano.

“Questo è un intervento molto raro perché sono pochissimi i casi descritti nella letteratura scientifica internazionale di artroprotesi di anca impiantate in adolescenti under 17 anni – spiega il professor Giuseppe Solarino, che ha personalmente eseguito gli interventi in equipe con il professor Moretti – Abbiamo prestato, ancor di più del solito, la massima attenzione anche ai minimi dettagli, utilizzando la via d’accesso ed i materiali più consoni al caso specifico, nell’ottica di assicurare una rapida ripresa funzionale e di garantire una protesi d’anca in grado di assicurare una durata più lunga possibile negli anni. In tal senso, siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto, pur nella consapevolezza di dover garantire alla paziente un monitoraggio attento e costante a lungo termine durante la sua vita”.

“ll problema è stato brillantemente risolto e la paziente, ormai fuori dalla terapia, è in remissione completa dalla malattia, siamo fiduciosi per il futuro – aggiunge il professor Nicola Santoro, direttore dell’Oncoematologia pediatrica del Policlinico di Bari – I programmi terapeutici prevedono l’impiego di cortisone che può creare, in particolare in questa fascia d’età, osteonecrosi, ma grazie agli ortopedici del nostro Policlinico è stato effettuato questo intervento di protesi d’anca, che consentirà alla giovane paziente una vita normale”.

“Il destino ha voluto che venissimo in Italia, eravamo di passaggio in crociera quando mia figlia è caduta e la storia è iniziata così. Prima la leucemia e dopo l’osteonecrosi a causa del trattamento di chemioterapia – racconta il padre Mohamed Selami – Questa esperienza ci ha permesso di conoscere il grande sostegno morale  e umano di tutto il personale del Policlinico di Bari che con grande generosità e professionalità ha assistito nostra figlia che oggi è viva grazie a loro. Un grande ringraziamento a tutto il Policlinico di Bari e all’associazione Apleti”.