aigo

La celiachia è una patologia cronica autoimmune che provoca una reazione immunitaria dell’organismo all’assunzione di glutine.

In collaborazione con l’AIGO, Associazione Italiana Gastroenterologi & Endoscopisti Digestivi Ospedalieri, scopriamo cause, effetti, strumenti diagnostici e terapie della celiachia.

” La celiachia è una intolleranza al glutine caratterizzata da una atrofia dei villi intestinali, provocata da una risposta autoimmunitaria al glutine nei soggetti geneticamente predisposti. – esordisce la dottoressa Francesca Russo Dirigente Medico UOSD Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva Ospedale San Pio Benevento, consigliere AIGO Campania – E’ l’intolleranza più frequente, come si rileva dai dati epidemiologici di prevalenza, in Italia interessa circa l’1% della popolazione e secondo i nuovi LEA, Livelli Essenziali di Assistenza, è passata da malattia rara a malattia cronica invalidante.”

Dott.ssa Russo AIGO
dott.ssa Francesca Russo

Aumento dei casi di celiachia negli adulti

“Analizzando l’andamento delle diagnosi effettuate negli ultimi anni si sono registrati circa 60 mila nuovi casi in più, con un media stimata di circa10 mila l’anno: un dato destinato a trasformarsi perchè, a fronte dei 225mila casi diagnosticati , ne abbiamo circa 600mila stimati: quindi abbiamo ancora un iceberg da estrapolare. Questo- aggiunge la dottoressa Russo- è dovuto al fatto che abbiamo a disposizione nuovi test diagnostici più sofisticati, ma secondo me, la reale motivazione è dovuto alla migliorata conoscenza da parte dei medici della celiachia degli adulti; eravamo abituati ad una forma pediatrica della celiachia, per una prevalenza di sintomi intestinale da malassorbimento, quali diarrea, vomito, steatorrea, oggi, invece, sappiamo riconoscere anche una celiachia differente, che si manifesta con pochi sintomi, quindi in una forma pauci sintomatica che presenta espressioni anche a livello extra intestinale.

E’possibile avere un paziente celiaco che abbia solo un’anemia, solo una ipertransaminasemia, una poliabortività e questo implica per la diagnosi una integrazione polispecialistica, anche se l’iter diagnostico è sempre appannaggio del gastroenterologo che effettua la diagnosi definitiva con una gastroscopia ed un esame istologico dell’intestino tenue”

La terapia

” L’unico reale strumento terapeutico a disposizione per la celiachia, in questo momento, è la dieta gluten free, che deve durare tutta la vita. E’ importante sottolineare che questa dieta deve essere seguita essenzialmente dai celiaci quando è stato completato il percorso diagnostico, altrimenti si rischia di inficiare il percorso stesso.

I farmaci a nostra disposizione, al momento non sono ancora di appannaggio comune, ma speriamo nell’immediato futuro “- .conclude la dott.ssa Russo, consigliere AIGO Campania

La video intervista alla dottoressa Francesca Russo sulla pagina Facebook di Tv Medica

https://fb.watch/8FsMOKYisk/