Caldo anomalo, i consigli dei medici di famiglia

Il caldo anomalo di questi giorni può rappresentare un pericolo per i soggetti deboli.

I medici di famiglia lanciano l’ allarme soprattutto per le persone anziane, proponendo un decalogo con poche regole per proteggersi.

“Quello registrato in questi giorni è un caldo anomalo, che sta creando seri problemi di salute a moltissimi pazienti anziani». A lanciare un allarme per le temperature fuori scala che si stanno registrando in questi giorni sono i medici di famiglia della sezione di Napoli della Fimmg.

I camici bianchi sono infatti preoccupati per il numero di richieste di aiuto e il grande afflusso di pazienti che accusano malori a causa del caldo.

«Le temperature di questi giorni sono a dir poco pericolose e per gli anziani possono essere addirittura letali. La maggiore preoccupazione è per le persone sole e con patologie croniche, che le rendono più fragili»,-spiegano Luigi Sparano e Corrado Calamaro, rispettivamente, segretario provinciale e segretario amministrativo Fimmg Napoli. Inoltre, una raccomandazione particolare arriva anche per l’uso di mascherine FFP2.

«In soggetti anziani e in queste condizioni di forte afa – dice Corrado Calamaro – queste mascherine possono causare malori anche gravi se utilizzate per lunghi periodi di tempo. Il nostro consiglio è di evitare nel modo più assoluto di uscire di casa nelle ore più calde, e se proprio si deve uscire meglio evitare posti a rischio Covid, così da poter adoperare una mascherina chirurgica se necessaria». Chiaramente, questo nulla ha a che vedere con la raccomandazione, che resta valida, di usare le mascherine (anche se chirurgiche) in tutti i luoghi nei quali esiste un rischio di contagio più elevato. «Sono obbligatorie – ricordano Sparano e Calamaro – per le visite mediche e nelle sale di attesa dei nostri studi».

Per aiutare i cittadini a proteggere la propria salute in questi giorni di caldo anomalo intenso e fuori norma, la FIMMG Napoli propone un decalogo con poche semplici regole che possono essere molto utili.

– Evitare di uscire casa nelle ore più calde, in particolare la fascia oraria le 10.00 e le 18.00. In ogni caso proteggere la pelle con una crema solare ad alto fattore di protezione.

– Usare un cappellino di colore chiaro per proteggere la testa.

– Usare abiti che consentano alla pelle di traspirare, possibilmente di cotone o di lino.

– Rinfrescarsi spesso ma evitare pericolosi sbalzi di temperatura. E’ utile bagnare il viso e le braccia con acqua fresca e se il caldo è eccessivo si può poggiare un panno umido sulla nuca.

– Evitare di sottoporsi a lavori pesanti e all’aperto nelle ore più calde.

– Cercare di preservare in casa un ambiente fresco magari proteggendo le finestre esposte al sole con tapparelle, persiane o tende.

– Utilizzare l’aria condizionata con criterio, vale a dire regolando la temperatura di circa 26°C.

– Prestare grande attenzione all’alimentazione. Bere è fondamentale, sino a 2 litri di acqua al giorno, a meno che non ci sia una diversa indicazione del medico curante. Cercare di bere anche se non se ne sente il bisogno. Sì a frutta, verdura e cibi leggeri. Evitare di bere alcolici o di mangiare cibi “pesanti” che possano rendere difficile la digestione.

– Prestare massima attenzione ai farmaci. Conservarli sempre in un luogo fresco e asciutto (a meno che non vadano conservati in frigo – controllare sulla confezione).

– Consultare il medico di famiglia per una eventuale correzione di terapia in caso di patologie croniche (cardiovascolari, respiratorie, neurologiche, diabete e così via).Segnalare al medico qualsiasi malessere, anche lieve, ed evitare di assumere farmaci senza aver prima sentito il parere del medico curante.