Ricercatori, nella classifica dei più influenti nel mondo, 13 sono del Pascale di Napoli

Ricercatori più influenti nel mondo, 13 sono del Pascale di Napoli

La classifica dei migliori ricercatori è stata stilata dalla prestigiosa Università di Stanford che ha promosso gli scienziati dell’Istituto dei Tumori di Napoli valutando diversi parametri, fra cui il numero totale delle citazioni ricevute e la leadership nella conduzione della ricerca.

Paolo Ascierto, Nicola Normanno, Luigi Buonaguro, Sandro Pignata, Gerardo Botti, Stefania Scala, Franco Maria Buonaguro, Franco Perrone, Michelino de Laurentiis, Francesco Izzo, Maria Lina Tornesello, Marco Cascella, Cinzia Granata: sono i 13 medici (tra ricercatori, chirurghi, radiologi e anestesisti) del Pascale da quest’anno presenti nell’elenco degli scienziati più influenti nel mondo relativamente alla loro produzione scientifica.

La selezione si basa sui primi 100mila scienziati ed è stata elaborata da un team di analisti della Stanford University (coordinati dal professor John Ioannidis) utilizzando i dati bibliometrici estratti dal database Elsevier/Scopus e valutando, come indicatori, il numero di articoli e pubblicazioni scientifiche in cui il ricercatore è primo o ultimo autore, nonché i dati relativi all’impatto delle stesse in termini di citazioni complessive ricevute.

La classifica ha preso in considerazione 22 differenti discipline e 176 sub-discipline scientifiche.

Ma vediamo nello specifico chi sono i 13 professionisti che compaiono nella classifica Top-cited scientists 2021.

Al fianco di nomi arcinoti come quelli dell’oncologo del melanoma, Paolo Ascierto e della mammella Michelino de Laurentiis, di ricercatori ben conosciuti in campo internazionale come quello di Nicola Normanno, Franco Perrone, i fratelli Franco e Luigi Buonaguro, Stefania Scala, Gerardo Botti e Sandro Pignata, troviamo i nomi del chirurgo Francesco Izzo, della biologa Maria Lina Tornesello, della radiologa Cinzia Granata, dell’anestesista Marco Cascella.

I 13 professionisti del Pascale sono citati per la loro attività di ricerca nel contesto della oncologia, con caratterizzazione poi in specifici settori che vanno dalla Immunologia alla Patologia, dalla Virologia alla Biologia Molecolare, in base alle specifiche competenze.

“Al di là dei limiti oggettivi di questo tipo di classifiche – dice cauto il direttore scientifico dell’IRCCS partenopeo, Alfredo Budillon – come tutti gli indici bibliometrici, siamo contenti delle citazioni dei nostri 13 ricercatori. E’ bene comunque ricordare che la ricerca è un lavoro di team e che dietro i nomi di questi colleghi ci sono decine e decine di colleghi impegnati ogni giorno nelle molteplici attività di ricerca del nostro Istituto”.

Un gioco di squadra tanto caro anche al direttore generale del polo oncologico, Attilio Bianchi, suo è il motto del Pascale 1+1=3

“Questo risultato prestigioso conseguito– dice Bianchi – è un’ulteriore conferma della elevata qualificazione della ricerca del Pascale nel contesto della oncologia . Che 13 tra ricercatori e clinici del Pascale siano tra i più influenti al mondo, indica il valore incrementale della nostra ricerca e della qualità delle cure che l’Istituto è in grado di garantire”.