GIORNTA DELLA PREMATURITA'

Giornata della prematurità, iniziativa del Ruggi di Salerno

La Giornata della prematurità dal 2011, ogni anno, si celebra il 17 novembre.

L’obiettivo della manifestazione è sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle nascite precoci e focalizzare l’attenzione sui progressi della medicina e delle cure sempre più mirate ed efficaci.

Anche il Reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’AOU San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, diretto dalla dottoressa Graziella Corbo, aderirà alla giornata della prematurita’, con un ‘evento che si terrà proprio il 17 novembre, presso ‘ Casa del Volontariato’, sita in via Patella, una traversa del C. so Vittorio Emanuele, a Salerno.

L’iniziativa, patrocinata da alcuni Comuni della provincia di Salerno, è a cura della dottoressa Corbo, che aprirà ed introdurrà il ricco programma della giornata, con inizio alle 9 e 30, che vedrà la partecipazione di Vincenzo D’Amato, Direttore generale AOU Salerno, della dottoressa Emilia Anna Vozzella, Direttrice Sanitaria del Ruggi, del sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, di Giovanni D’Angelo, Presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri Salerno, della Dottoressa Antonella Maisto, Direttore U.O. Formazione, Polo Didattico e Universitario.

Durante la mattinata inoltre, protagonisti della Giornata della prematurità salernitana saranno coloro che sono stati coinvolti direttamente da questo evento: si darà infatti voce alle famiglie che hanno combattuto e affrontato questa problematica, purtroppo diffusa.

Saranno presentati progetti e nuove frontiere della neonatologia a Salerno e sarà proposto un vero e proprio tour nel mondo della prematurita’ e della terapia Intensiva.

“Ogni giorno, nel mondo un bambino su 10 nasce prematuro”- ha dichiarato la Dottoressa Corbo, che nel sottolineare il valore dell’ intero team del reparto che dirige, ha ringraziato la Direzione Generale e Sanitaria del Ruggi, per l’attenzione, la disponibilità e la sensibilità mostrata.

Per la Giornata della prematurità che è contraddistinta dal colore viola,  di cui saranno illuminati i principali monumenti di diverse citta aderenti alla manifestazione, su invito della Società Italiana di Neonatologia (SIN) e Vivere Onlus Coordinamento Nazionale delle Associazioni per la Neonatologia, quest’anno l’attenzione sarà focalizzata sull’importanza del contatto e della Kangaroo Care, secondo il filo conduttore che è “L’abbraccio di un genitore: una terapia potente. Sostenere il contatto pelle a pelle fin dal momento della nascita.”