SLA, oggi la Giornata Mondiale

La SLA celebra oggi 21 giugno la sua giornata mondiale.

Un percorso lungo e ricco di grandi novità, quello che accompagna AISLA in questa edizione della Giornata: dalla ricerca scientifica che annuncia l’efficacia del Tofersen in una forma genetica rara della malattia, alla testimonianza di Aldo.

Promossa dalla Federazione Internazionale delle Associazioni dei pazienti, International Alliance of ALS/MND Associations, di cui AISLA fa parte come membro italiano, la Giornata Mondiale SLA si celebra ogni anno il 21 giugno, nel solstizio d’estate. La scelta della data esprime, infatti, la speranza in un punto di svolta per quel che riguarda la ricerca delle cause, dei trattamenti e delle cure efficaci per sconfiggere finalmente la malattia.

Pubblicato su ‘Nature Communication’, un recente studio scientifico italo-americano fornisce una previsione sulla frequenza e la prevalenza della Sla nel mondo nei prossimi 24 anni: nel 2040 sarà del 32% l’aumento medio dei malati di Sclerosi laterale amiotrofica (Sla) nel mondo. In particolare saranno le donne le più colpite dall’aumento (+40%).

Secondo lo studio, in Italia i casi saliranno da 1.800 a 2.300 l’anno. E se è vero che non esiste attualmente un trattamento in grado di guarire la Sla, c’è da dire che la ricerca è sempre più attiva e promettente.

Ricerca, assistenza e sostegno alle famiglie. In un viaggio che va oltre i confini, proprio come ricorda la presidente nazionale di AISLA, anche Calaneet Balas, CEO dell’International Alliance of ALS/MND, che si esprime a sostegno di chi, privato della propria libertà, convive con la malattia:

“L’Alleanza è preoccupata per le persone affette da SLA durante il conflitto in Ucraina. Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner delle parti interessate nelle organizzazioni affiliate, nell’industria e nelle ONG per assicurarci di mantenere aperte le linee di comunicazione e aiutare nel miglior modo possibile”.

L’Alleanza Internazionale, che quest’anno compie i suoi primi 30 anni di attività, promuove il Global Day sui social network attraverso l’hashtag #ALSMNDwithoutborders.

Una curiosità: uno dei modi per aderire alla Giornata è quello di portare con sé un fiordaliso blu. È un fiore di campo orami rarissimo. Fiorisce una sola volta l’anno, tra maggio e settembre, ed il suo colore blu intenso lo rende bellissimo.

Si narra che «Via Via, vieni via di qui, niente più ti lega a questi luoghi, neanche questi fiori azzurri», fossero proprio i fiordalisi omaggiati da Paolo Conte nel suo cavallo di battaglia.

Sono molte le iniziative promosse da AISLA che anche quest’anno mette al centro le persone e le loro storie. Un programma denso di eventi, su tutto il territorio italiano. Una kermesse di iniziative in presenza, ma anche online come il webinar del 22 giugno “Percorso per la comunicazione aumentativa alternativa nella persona con SLA” che focalizza l’attenzione sul ruolo e sul valore che lo strumento di comunicazione assume per la persona. In una visione in cui il diritto di parola è fondamentale per l’autodeterminazione della persona, AISLA supporta i malati ad ottenere gli ausili necessari, il cui approvvigionamento è complesso ed articolato.

La Giornata Mondiale SLA, dunque, porta con sé messaggi di speranza ma anche di fattiva concretezza. Esempio ne è il protocollo di intesa triennale con il Politecnico di Torino, grazie al quale AISLA avvia un rapporto di collaborazione fatto di competenze e conoscenze per supportare la qualità della vita delle persone con SLA. Un modo per ribadire un concetto chiave: dietro il tempo che scorre, c’è sempre una persona che vive e questo non va mai dimenticato. Per seguire il programma dettagliato: https://www.aisla.it/global-day/