Giornata della salute

Giornata mondiale della Salute 2022

La giornata mondiale della salute, istituita nel 1950 per ricordare la fondazione dell’Oms avvenuta il 7 aprile 1948, si celebra appunto oggi 7 aprile

Ogni anno viene scelto un tema specifico, che evidenzia un’area di particolare interesse per l’Oms ed infatti quello di quest’anno è all’insegna della salvaguardia ambientale

“Il nostro pianeta, la nostra salute” (“Our Planet, Our Health) è il claim di World Health Day, la Giornata Mondiale della salute, che sottolinea l’importanza di azioni urgenti necessarie per mantenere la popolazione generale e il pianeta in salute e per creare società incentrate sul benessere.

L‘Oms ha, infatti, lanciato un appello urgente a tutti i leader mondiali e ai cittadini affinché venga intrapresa quanto prima un’azione comune “per preservare e proteggere la salute” prendendosi cura del pianeta.

L’Organizzazione mondiale della sanità stima che oltre 13 milioni di decessi in tutto il mondo ogni anno siano dovuti a cause ambientali evitabili, inclusa la crisi climatica, definita come la più grande minaccia sanitaria per l’umanità.

L ‘Agenzia delle Nazioni Unite sottolinea, inoltre, che nonostante gli importanti miglioramenti nei servizi sanitari e igienici avvenuti negli ultimi decenni, l’inquinamento di aria e acqua continuano ad essere “minacce urgenti per la salute pubblica”.

Stando alle stime dell’Oms, 9 persone su 10 respirano aria inquinata e l’inquinamento atmosferico legato a combustibili fossili uccide ogni anno 7 milioni di persone, ovvero 13 ogni minuto, a causa di tumore ai polmoni, malattie cardiache e ictus; mentre 2 miliardi di persone non dispongono di acqua potabile sicura a causa di laghi, fiumi o falde acquifere inquinate e 3,6 miliardi non hanno servizi igienici sicuri. Inoltre, nel mondo sono circa 829.000 le persone che ogni anno muoiono a causa di malattie diarroiche causate dall’acqua inquinata e dalla scarsa igiene.

Il 99% della popolazione mondiale respira aria che supera i limiti di accettabilità: lo rivela l’aggiornamento 2022 ,rilasciato in vista della Giornata Mondiale della Salute, del database della qualità dell’aria dell’OMS, il più esteso finora nella sua copertura dell’esposizione all’inquinamento atmosferico.