Alzheimer, positivi gli effetti della terapia innovativa sperimentata all’ASST di Brescia. “La Buona Notizia del Lunedì”

Alzheimer, buone notizie dalla terapia innovativa con gamma t-ACS

Miglioramento significativo dei disturbi di memoria e dell’alterazione dei circuiti corticali cerebrali: sono i risultati dello studio che la Clinica Neurologica dell’Università degli Studi di Brescia e l’UOC Neurologia 2 dell’ASST Spedali Civili di Brescia, sotto la direzione del prof. Alessandro Padovani, pubblicano sulla prestigiosa rivista “Annals of Neurology” .

Per “La Buona notizia del Lunedì” , segnaliamo lo studio, coordinato dalla prof.ssa Barbara Borroni, riguardante gli effetti di una terapia innovativa per la malattia di Alzheimer.

Il lavoro scientifico, che vede come primo autore il Dott. Alberto Benussi, riporta gli effetti di un trattamento di stimolazione elettrica non invasiva in grado di sincronizzare i ritmi cerebrali grazie al quale è stato osservato un miglioramento significativo dei disturbi di memoria unitamente ad un miglioramento dell’alterazione dei circuiti corticali cerebrali associati alla malattia.

«La demenza di Alzheimer oggi colpisce circa il 5% delle persone con più di 60 anni in Italia vengono stimati circa 500.000 pazienti – spiega il prof. Padovani -. La malattia colpisce principalmente la capacità di ricordare, si ripercuote sulla capacità di pensare e determina cambiamenti di umore e disorientamento. Un costo enorme a livello psicologico per i malati e le famiglie, ma anche un notevole impatto sul sistema socio-sanitario. La messa a punto di nuove strategie terapeutiche è un obbligo morale per chi si occupa di malattia di Alzheimer».

Nella malattia di Alzheimer, i ritmi o “onde” cerebrali tendono a rallentare progressivamente, associandosi ad un graduale peggioramento dei sintomi, in particolare del disturbo di memoria. Il trattamento di stimolazione, denominato gamma t-ACS, prevede la somministrazione di deboli onde elettriche mirate a normalizzare i ritmi cerebrali ad una frequenza fisiologica.

«In considerazione dei risultati estremamente incoraggianti, stiamo mettendo a punto un sistema per indurre effetti a lungo termine tramite stimolazioni ripetute quotidianamente, con un protocollo di applicazione domiciliare – commenta la prof.ssa Borroni -. Questo permetterebbe di “portare la terapia a casa del paziente” con un monitoraggio effettuato dal personale sanitario in telemedicina, riducendo gli accessi in ospedale e migliorando i bisogni dei pazienti e dei loro famigliari. Qualora venissero confermati questi risultati – prosegue Borroni – la terapia con gamma-tACS potrebbe trovare un ampio spazio nell’ambito della malattia di Alzheimer, in particolare nelle fasi iniziali».